Ce.S.Te.P.

 
Hogan Scarpe Sportive Store Hogan 2017 Uomo Hogan 2017 Donna Hogan Stivali Outlet

Le cause dell'Alcolismo

Ereditarietà

Molti si domandano se questa malattia è ereditaria, cioè se si trasmette dai genitori ai figli.

L’ereditarietà, in effetti, è un fattore molto importante fra le cause dell’alcolismo. Come avviene per altre malattie, anche in questo caso vengono ereditate delle caratteristiche che predispongono ad ammalarsi. Sono caratteristiche metaboliche, neurotrasmettitoriali e neurologiche che, in presenza di altri fattori (psichici e sociali) fanno comparire, in alcuni casi, la malattia. Vale a dire che i fattori di rischio si trasformano in malattia solo sotto l’influenza dell’ambiente e di fattori scatenanti.

Che cosa si eredita. Il ruolo dei dei geni

Da molti anni si sa che i figli di alcolisti hanno una maggiore tendenza a diventare alcoldipendenti. Già nel 1990 alcuni studiosi (Blum e altri) hanno dimostrato che negli alcolisti è presente una variazione del gene, presente sul cromosoma 11, che controlla la produzione del recettore D2 della dopamina. Questa variazione (allele 1) sarebbe significativamente correlata ad alcune forme di alcolismo. Questi studi hanno addirittura suggerito che le alterazioni nel cromosoma 11 siano alla base anche di altre dipendenze da sostanze (cocaina, nicotina, oppiacei) di alcuni disordini sessuali, dei disturbi dell’alimentazione, del gioco d’azzardo patologico.

Le ipotesi delle neuroscienze. Il ruolo dei sistemi di ricompensa

Attualmente sappiamo che la percezione e l’elaborazione delle sensazioni di piacere, sia che esse provengano da stimoli chimici (droghe, cibo, alcol e sostanze psicoattive in genere) sia da stimoli comportamentali (gioco d’azzardo, comportamento alimentare, sesso ecc.), sia da elaborazioni mentali ed esperienze relazionali, è mediato da complessi sistemi neuronali e neurotrasmettitoriali. Questi sistemi sono attivi in alcune aree cerebrali fra cui l’area tegmentale ventrale, a livello mesencefalico, dove la stimolazione di dopamina attiva altre aree cerebrali (ad es. il nucleo accumbens e la corteccia prefrontale mediale). Queste aree sono specializzate per mediare le funzioni di ricompensa del cervello (rewarding system). Negli ultimi tempi si stanno scoprendo sempre più ampie interazioni che ci fanno vedere come questo sistema, fondamentale per l'essere umano, sia estremamente vasto e complesso. In queste aree gli stimoli chimici, psichici ed esperienziali in grado di stimolare risposte piacevoli vengono "premiati" procurando al soggetto una risposta piacevole che darà a circuiti e mappe neuronali maggiore forza e precedenza su altri circuiti. Nell'essere umano gli eventi percepiti come gradevoli (quindi positivi e utili) rafforzano le motivazioni e portano a ripetere i comportamenti che hanno prodotto la sensazione piacevole. L'alterazione di questo elaborato meccanismo dovuta a disturbi neutrasmettitoriali (convolgimento di serotonina, noradrenalina, dopamina, GABA, ecc), ad aspetti genetici (alterazioni dei geni che concorrono a codificare i recettori della dopamina) e a fattori psicologici, sociali e relazionali assume un ruolo centrale nel fenomeno dell’addiction (dipendenza patologica).

Sono proprio queste conoscenze che hanno portato a considerare la dipendenza da alcol come una malattia dovuta non tanto alla mancanza di volontà del soggetto quanto ad una complessa e grave disfunzione biologica, psicologica e sociale. Malattia quindi, non un vizio.

Hieronymus Bosch - The Garden of Earthly Delights
Perchè alcuni non riescono più a smettere?