Pubblicazioni: Alcohol Alert  No. 52  Aprile 2001

Alcohol Alert logo

National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism            No. 52             Aprile 2001


Alcol e Sicurezza Stradale

 

La ricerca ha mostrato che persino basse concentrazioni di alcol nel sangue (BAC˜ = Blood Alcohol Concentration) deteriorano le prestazioni alla guida ed aumentano il rischio di incidenti. Le nuove informazioni su BAC e alterazione hanno condotto a cambiamenti nelle politiche, con conseguente diminuzione degli incidenti e della mortalità alcolcorrelati. Questo bollettino esamina alcuni aspetti delle alterazioni indotte dall'alcol e passa in rassegna le strategie concepite per ridurre gli incidenti alcolcorrelati e le ripetute trasgressioni da "bere-e-guidare".

  Concentrazione ematica di alcol (BAC) e deterioramento delle prestazioni

  Una rassegna di 112 studi ha concluso che le capacità richieste per condurre fondamentalmente ogni tipo di veicolo a motore si affievoliscono anche per lievi deviazioni da BAC zero. A BAC pari allo 0,05%, la maggior parte degli studi riporta una diminuzione significativa delle attitudini. A partire da 0,08%, il 94% degli studi riferisce di deterioramento delle prestazioni. Alcune di queste sono già significativamente rallentate a livelli di 0,01%, sebbene altre funzioni non mostrino di essere intaccate fino allo 0,06% (1). A valori dello 0,02% o meno, la capacità di suddividere l'attenzione tra due o più sorgenti di informazione visiva può risultare indebolita. A partire da BAC di 0,05%, i guidatori mostrano altri segni di scadimento, compresi i movimenti oculari, la resistenza all'abbagliamento, la percezione visiva e il tempo di reazione. Moskowitz e coll. (2) riferiscono che l'alcol diminuisce in modo sostanziale le prestazioni su un simulatore di guida a qualunque BAC superiore a 0,02%.

  Il rischio di incidenti fatali per i guidatori con BAC positivo, se comparato con quello degli altri guidatori (cioè il rischio relativo) aumenta all'aumentare del BAC, e i rischi salgono più rapidamente per i guidatori con meno di 21 anni rispetto a guidatori più anziani (3). Con un BAC tra 0,08 e 0,10 percento, il rischio relativo di incidente mortale che coinvolga un singolo veicolo varia tra 11% (per i guidatori di 35 o più anni) e 52% ( per i guidatori maschi di 16-20 anni).

  Si è indagato anche su altre forme di trasporto. Studi che utilizzano un dispositivo automatizzato che simula condizioni di volo reali hanno mostrato che la prestazione di un pilota risulta compromessa già a BAC di 0,04% (4,5) e rimane alterata fino a 14 ore dopo che il pilota raggiunge BAC compresi tra 0,10 e 0,12% (4,6). Un altro esperimento, con l'ausilio di un ambiente simulato, ha dimostrato che studenti esperti dell'Accademia Navale, con BAC dello 0,05%, necessitavano di maggior tempo degli altri studenti per risolvere un problema relativo ad un'operazione sull'impianto di potenza.a bordo di un mercantile ed inoltre non erano consapevoli del loro scadimento (7).

  Fattori che Influenzano lo Scadimento Indotto dall'Alcol

  Tolleranza all'Alcol. La ricerca suggerisce che ripetute prestazioni di alcuni compiti sotto l'influsso dell'alcol possono rendere una persona meno sensibile allo scadimento ad un dato BAC. Tuttavia, sebbene le alterazioni non siano evidenti durante operazioni di routine, le prestazioni potrebbero peggiorare in situazioni nuove o inaspettate (8).

  Età. In base ai chilometri percorsi, il tasso di incidenti fatali più alto si evidenzia tra i giudatori più giovani e tra i più vecchi. Se confrontato con quello degli incidenti mortali per i guidatori tra 25 e 69 anni, il valore di mortalità per i guidatori di 16-19 anni è circa 4 volte maggiore ed il valore per guidatori ultra-85enni è 9 volte più alto (9,10). Tra i guidatori maschi minori di 21 anni, un incremento del BAC di 0,02% raddoppia abbondantemente il rischio di incidente mortale a veicolo singolo. Le donne in questo gruppo di età, tuttavia, presentano un rischio relativo inferiore a quello dei maschi a parità di BAC (3). Il maggior rischio per i giovani è da attribuirsi in parte alla minor esperienza di guida (11), unitamente all'eccesso di confidenza (12). La presenza in macchina di altri giovani può inoltre incoraggiare uno stile di guida rischioso e si associa con il maggior rischio di incidenti ad esito fatale tra i giovani guidatori (13).

  .L'alcol è meno frequente come causa di incidenti in guidatori più anziani. Nel 1999 i guidatori ultra-65enni morti in incidenti, sono paragonabili in numero a quelli degli altri gruppi di età adulta con BAC positivo (14). Ciò nonostante, il rischio individuale di incidente per ogni miglio percorso aumenta a partire da 55 anni e supera quello di un giovane guidatore principiante a partire da 80 anni (15). i fattori associati con tale guida insicura includono problemi di vista, attenzione, percezione e cognizione (16,17). In aggiunta, i guidatori più anziani con problemi di alcolismo sono ancora più vulnerabili allo scadimento rispetto agli altri guidatori attempati e presentano maggiori rischi di incidenti (15).

  Privazione del sonno. Drowsiness increases crash risk, and research shows that BACs as low as 0.01 percent increase susceptibility to sleepiness (1). Alcohol consumption also increases the adverse effects of sleep deprivation. Subjects given low doses of alcohol following a night of reduced sleep perform poorly in a driving simulator, even with no detectable alcohol in the blood (18,19).
La sonnolenza aumenta il rischio di incidenti; la ricerca mostra che già ad un BAC dello 0,01% si è più suscettibili all'addormentamento (1). Il consumo di alcol inoltre accentua gli effetti avversi della privazione di sonno. Soggetti cui è stata somministrata una dose bassa di alcol dopo una notte di sonno ridotto hanno fornito prestazioni scadenti al simulatore di guida, persino in condizioni di non rilevabilità di alcol nel sangue (18,19).

  Recente Flessione del Bere e Guidare

  La ricerca mostra una flessione del "bere e guidare" negli Stati Uniti nel passato decennio, specialmente tra i giovani guidatori. L'incidenza della mortalità alla guida a causa dell'alcol è diminuita. E' in calo anche la percentuale complessiva di guidatori con BAC positivo, tra quelli controllati durante le notti dei fine settimana. Inoltre, le statistiche sugli incidenti e i controlli sui conducenti mostrano entrambi una diminuzione della proporzione di giudatori con BAC uguale o superiore a 0,10%, con un decremento più marcato tra i guidatori minori di 21 anni (20,21)

  Strategie di Prevenzione

  Innalzamento dell'Età Minima Legale per Bere (Minimum Legal Drinking Age MLDA). La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) stima che l'iinalzamento della MLDA a 21 anni ha ridotto del 13% la mortalità alla guida che coinvolge i guidatori tra i 18 e i 20 anni ed ha salvato 19.121 vite a partire dal 1975. Venti dei ventinove studi condotti tra il 1981ed il 1992 hanno riportato una flessione significativa degli incidenti stradali e della relativa mortalità a seguito dell'innalzamento della MLDA. Tre studi non hanno rilevato alcuna differenza negli incidenti che hanno coinvolto giovani in vari gruppi di età, e sei studi hanno fornito risultati misti (22). Le leggi che proibiscono di vendere o fornire alcol ai minori non sono generalmente ben applicate, ma gli sforzi della comunità per aumentare l'applicazione della MLDA possono risultare efficaci (23,24).

  Leggi sulla Tolleranza-Zero. Queste leggi, che stabiliscono il limite legale di BAC per i guidatori più giovani di 21 anni a 0,00 o a 0,02%, sono messe in associazione con la diminuzione del 20% relativa alla frazione di guidatori minori di 21 anni coinvolti in incidenti mortali (25) e alla frazione di incidenti notturni fatali coinvolgenti un unico veicolo tra i guidatori con un'età inferiore a 21 anni (26). Sulla base dei controlli effettuati, i ricercatori riferiscono che i giovani guidatori riescono maggiormente a separare bere e guidare rispetto a quelli più anziani, e gli stessi ricercatori suggeriscono che tale differenza sarebbe da attribuire alle leggi sulla tolleranza-zero (27).

  Leggi sul Bac che Abbassano i Limiti a 0,08 percento.  La maggior parte degli Stati dell'Unione stanno considerando l'opportunità di abbassare il limite legale di BAC, per i guidatori maggiori di 21 anni ,che non svolgano attività commerciale con i loro mezzi, a 0,08%. Infatti, in accordo con il NHTSA, 27 Stati hanno approvato la legislazione che porta il limite BAC a 0,08%. Le leggi che diminuiscono il limite legale del BAC a 0,08% per i guidatori adulti vengono poste in relazione con la diminuzione degli incidenti letali. Uno studio nazionale riferisce che gli Stati con la legge dello 0,08% vantano una minor proporzione di guidatori adulti coinvolti in incidenti mortali con BAC di 0,01-0,09 percento e con BAC di 0,10% o più (28).

  Abbassamento dei Limiti di BAC per i Trasgressori DUI e per i Lavoratori dei Trasporti.
Nel Maine, una legge che abbassa il limite legale di BAC a 0,05% per chiunque sia stato condannato per guida sotto effetto di sostanze psicoattive (DUI = Driving Under Influence) ha ridotto in modo significativo gli incidenti fatali in questa categoria (29). Dal momento che il "bere-e-guidare" da parte dei lavoratori nei trasporti mette a repentaglio la sicurezza pubblica, il Governo Federale proibisce ai guidatori di camion commerciali, ai lavoratori delle ferrovie o addetti ai trasporti pubblici, ai marittimi e ai piloti di aviazione di esercitare con i loro mezzi con un BAC di 0,04% o superiore.

  Prevenzione in Seno alla Comunità.  Le iniziative globali delle comunità per ridurre il "bere-e-guidare" si uniscono agli sforzi degli enti pubblici e di privati cittadini nell'attuazione di strategie quali le campagne sui media, l'addestramento delle forze dell'ordine, i programmi di prevenzione scolastica ed universitaria e l'incremento della vigilanza sui punti-vendita delle bevande alcoliche. Si è trovato che tali strategie abbassano gli incidenti mortali globali e alcolcorrelati e le lesioni stradali (30,31).

  .E' stato messo a punto dalla comunità di San Diego un programma per ridurre il bere eccessivo e la guida in stato alterato riscontrati tra i giovani che attraversano il confine U.S.A.-Messico per andare a bere a Tijuana, dove l'età legale per bere è di 18 anni e i prezzi degli alcolici sono più bassi. I ricercatori hanno stimato che più di 250 guidatori con BAC di 0,08% o superiore sulle strade americane il venerdi ed il sabato sera, appartengono alla categoria suddetta (32). Gli sforzi mirati si sono rivelati efficaci nel ridurre il numero di coloro che attraversano il confine a tarda notte del 26% (33).

  Screening per l'Alcolismo ed Intervento Breve Finalizzato per i Pazienti del Pronto Soccorso.  I pazienti del pronto soccorso, feriti in incidenti stradali alcolcorrelati, possono essere maggiormente motivati a cambiare le loro abitudini alcoliche (34). L'intervento medico finalizzato nel pronto soccorso ha portato ad una riduzione delle bevute successive e delle riammissioni al ricovero per trauma (35) così come del comportamento "bere-e-guidare", dei danni alcolcorrelati, delle infrazioni al codice stradale e dei problemi alcolcorrelati tra i diciottenni e i diciannovenni (36).

  Riduzione delle Trasgressioni Reiterate DUI

  Sospensione della Patente. Le leggi che consentono la sospensione amministrativa della patente di guida al momento dell'arresto, hanno condotto alla riduzione sia degli incidenti mortali (28,37) che delle ripetute trasgressioni DUI (38). Uno studio sulla legge dell'Ohio sulla sospensione della patente ha rivelato che i trasgressori DUI eccezionali o recidivi, che si sono visti ritirare immediatamente la loro patente, hanno ridotto in modo significativo il numero di infrazioni DUI, di infrazioni al codice stradale e di incidenti nel corso dei 2 anni successivi in confronto ai trasgressori DUI fermati prima dell'entrata in vigore della legge sulla sospensione amministrativa della patente (38).

  Sebbene la ricerca mostri che la sospensione della patente riduca le trasgressioni DUI ripetute, vi sono prove evidenti che fino al 75% dei giudatori sanzionati continua a guidare senza patente. Una valutazione sulla legge dell'Oregon per l'introduzione dell' "adesivo zebrato"suggerisce che, il fatto di marcare la targa dei veicoli condotti da guidatori ai quali è stata sospesa la patente, scoraggia la guida sia sotto sospensione sia sotto l'effetto di sostanze psicoattive (DUI) da parte dei conducenti sanzionati. Una legge simile nello Stato di Washington è stata applicata in modo differente e non ha sortito effetti (39).

  Sequestro/Immobilizzazione del Veicolo. .Due studi di una legge dell'Ohio, che consente l'immobilizzazione (40) o il sequestro (41) del veicolo nei confronti dei trasgressori multipli, hanno entrambi evidenziato che i trasgressori i cui veicoli erano stati immobilizzati o sequestrati avevano un fattore di recidività inferiore - rispetto agli altri rei - sia mentre il loro veicolo non era disponibile sia dopo che era stato loro restituito.

  Altre Strategie di Prevenzione.  I meccanismi di blocco dell'accensione a rivelatore di alcol - dispositivi basati sul test respiratorio progettati per prevenire la manovra di un veicolo se il BAC del guidatore supera un livello soglia predeterminato - sono utilizzati in alcune giurisdizioni come alternativa alla sospensione totale della patente. La ricerca suggerisce che i trasgressori che hanno installato tale blocco, sono memo recidivi frattanto che il dispositivo è in uso, ma la recidività risale dopo la sua rimozione (42,43). Di converso, solo pochi studi hanno riferito positivamente sull'efficacia di tale metodo sia durante l'installazione del blocco dell'accensione sia dopo la sua rimozione (44,45).

  Ai convegni delle vittime di collisioni, i trasgressori "bevi-e-guida" devono ascoltare i resoconti, sull'impatto nelle rispettive esistenze, delle persone rimaste ferite o private di una persona amata a causa di incidenti alcolcorrelati. L'effetto di tali convegni sulla recidività è controverso (46-48).

 


Alcol e Sicurezza Stradale-Un Commento del
Direttore del NIAAA Enoch Gordis, M.
D.

  A quale concentrazione ematica di alcol (BAC) gli individui sono troppo alterati per poter guidare un'automobile in modo sicuro? Negli Stati Uniti il limite BAC per potere guidare è, in molti Stati dell'Unione, pari a 0,10%. Gli U.S.A. sono infatti l'unico paese industrializzato ad avere dei limiti BAC così elevati (*). Un ampio settore di ricerca accreditata ha evidenziato nel corso degli anni che il deterioramento delle prestazioni richieste per una guida sicura ha inizio a livelli dello 0,05%. Ad un BAC di 0,08% - attualmente in fase di valutazione in molti Stati - gli individui sono già significativamente menomati e a rischio di provocare danni a loro stessi ed agli altri. Ad oggi, 27 Stati dell'Unione hanno abbassato il limite BAC legale a 0,08%. In molti degli Stati che tuttora conservano un limite di 0,10 %, il dibattito sull'abbassamento ha avuto spesso poco a che fare con considerazioni scientifiche - focalizzandosi piuttosto sul fatto che tale abbassamento infrange il pubblico diritto a bere in modo sociale. Tale argomentazione non ha valore: un uomo di 70 kg. in generale raggiungerà un BAC di solo 0,04% un'ora dopo aver consumato a stomaco vuoto 2 birre da 350 ml. o 2 altre dosi standard di bevande alcoliche. Fino a quando il dibattito non prenderà in considerazione i risultati attuali, piuttosto che scorgerli soltanto, ottenibili con l'abbassamento del BAC, corriamo il rischio di rimanere feriti od uccisi in un incidente stradale causato da guidatori alterati nella realtà, ma non per legge.

(*) NdT: in Italia, così come in quasi tutti i Paesi dell'UE, il limite BAC è fissato a 0,05%. Il Parlamento Italiano ha introdotto tale nuovo limite, abbassandolo dal precedente 0,08%, con la legge n° 125 del 30 marzo 2001.

 


˜BAC è il rapporto tra alcol e sangue nel nostro corpo. Nel campo della sicurezza stradale, il BAC viene espresso con un valore percentuale riferito ai grammi di alcol puro per decilitro di sangue-per esempio, 0.10% equivale a 0.10 grammi per decilitro.


Riferimenti Bibliografici

  (1) Moskowitz, H., and Fiorentino, D. A Review of the Literature on the Effects of Low Doses of Alcohol on Driving-Related Skills. Washington, DC: National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), 2000. (2) Moskowitz, H.; Burns, M.; Fiorentino, D.; Smiley, A.; and Zador, P. Driver Characteristics and Impairment at Various BACs. Washington, DC: NHTSA, 2000. (3) Zador P.L.; Krawchuck S.A.; and Voas R.B. Alcohol-related relative risk of driver fatalities and driver involvement in fatal crashes in relation to driver age and gender: An update using 1996 data. J Stud Alcohol 61:387-395, 2000. (4) Morrow, D.; Leirer, V.; and Yesavage, J. The influence of alcohol and aging on radio communication during flight. Aviat Space Environ Med 61(1):12-20, 1990. (5) Ross, L.E.; Yeazel, L.M.; and Chau, A.W. Pilot performance with blood alcohol concentrations below 0.04%. Aviat Space Environ Med 63(11):951-956, 1992. (6) Yesavage, J.A., and Leirer, V.O. Hangover effects on aircraft pilots 14 hours after alcohol ingestion: A preliminary report. Am J Psychiatry 143(12):1546-1550, 1986. (7) Howland, J.; Rohsenow, D.J.; Cote, J.; Siegel, M.; and Mangione, T.W. Effects of low-dose alcohol exposure on simulated merchant ship handling power plant operation by maritime cadets. Addict 95(5):719-726, 2000. (8) Vogel-Sprott, M. Alcohol Tolerance and Social Drinking: Learning the Consequences. New York: Guilford Press, 1992. (9) NHTSA. Traffic Safety Facts 1999: Older Population. Washington, DC: NHTSA, 2000. (10) NHTSA. Traffic Safety Facts 1999: Young Drivers. Washington, DC: NHTSA, 2000. (11) Mayhew, D.R.; Donelson, A.C.; Beirness, D.J.; and Simpson, H.M. Youth, alcohol and relative risk of crash involvement. Accid Anal Prev 18(4):273-287, 1986. (12) Jonah, B.A. Accident risk and risk-taking behaviour among young drivers. Accid Anal Prev 18(4):255-271, 1986. (13) Preusser, D.F.; Ferguson, S.A.; and Williams, A.F. Effect of teenage passengers on the fatal crash risk of teenage drivers. Accid Anal Prev 30(2):217-222, 1998. (14) NHTSA. Traffic Safety Facts 1999. Washington, DC: NHTSA, 2000. (15) Waller, P.F. Alcohol, aging, and driving. In: Gomberg, E.S.L.; Hegedus, A.M.; and Zucker, R.A., ed. Alcohol Problems and Aging. NIAAA Research Monograph No. 33. NIH Pub. No. 98-4163. Bethesda, MD: NIAAA, 1998. (16) McGwin, G.; Chapman, V.; and Owsley, C. Visual risk factors for driving difficulty among older drivers. Accid Anal Prev 32:735-744, 2000. (17) McKnight, A.J., and Lange, J.E. Automated screening techniques for drivers with age-related ability deficits. In: 41st Annual Proceedings: Association for the Advancement of Automotive Medicine. Des Plaines, IL: Association for the Advancement of Automotive Medicine (AAAM), 1997. (18) Roehrs, T.; Beare, D.; Zorick, F.; and Roth, T. Sleepiness and ethanol effects on simulated driving. Alcohol Clin Exp Res 18(1):154-158, 1994. (19) Krull, K.R.; Smith, L.T.; Sinha, R.; and Parsons, O.A. Simple reaction time event-related potentials: Effects of alcohol and sleep deprivation. Alcohol Clin Exp Res 17(4):771-777, 1993. (20) NHTSA. Traffic Safety Facts 1999: Alcohol. National Center for Statistics and Analysis. Washington, DC: NHTSA, 2000. (21) Voas, R.B.; Wells, J.K.; Lestina, D.C.; Williams, A.F.; and Greene, M.A. Drinking and Driving in the U.S.: The 1996 National Roadside Survey. NHTSA Traffic Task No. 152. Arlington, VA: Insurance Institute for Highway Safety, 1997. (22) Toomey, T.L.; Rosenfeld, C.; and Wagenaar, A.C. The minimum legal drinking age: History, effectiveness, and ongoing debate. Alcohol Health Res World 20(4):213-218, 1996. (23) Wagenaar, A.C.; Murray, D.M.; Gehan, J.P.; et al. Communities mobilizing for change on alcohol: Outcomes from a randomized community trial. J Stud Alcohol 61(1):85-94, 2000. (24) Holder, H.D.; Saltz, R.F.; Grube, J.W.; et al. Summing up: Lessons from a comprehensive community prevention trial. Addict92(Suppl. 2):S293-S301, 1997. (25) Voas, R.B.; Lange, J.E.; and Tippetts, A.S. Enforcement of the zero tolerance law in California: A missed opportunity? In: 42nd Annual Proceedings: Association for the Advancement of Automotive Medicine. Des Plaines, IL: AAAM, 1998. (26) Hingson, R.; Heeren, T.; and Winter, M. Lower legal blood alcohol limits for young drivers. Public Health Rep 109(6):738-744, 1994. (27) Roeper, P.J., and Voas, R.B. Underage drivers are separating drinking from driving. Am J Public Health 89(5):755-757, 1999. (28) Voas, R.B.; Tippets, A.S.; and Fell, J. The relationship of alcohol safety laws to drinking drivers in fatal crashes. Accid Anal Prev 32:483-492, 2000. (29) Hingson, R.; Heeren, T.; and Winter, M. Effects of Maine's 0.05% legal blood alcohol levels for drivers with DWI convictions. Public Health Rep 113(5):440-446, 1998. (30) Hingson, R.; McGovern, T.; Howland, J.; et al. Reducing alcohol impaired driving in Massachusetts: The Saving Lives Program. Am J Public Health 86(6):791-797, 1996. (31) Roeper, P.J.; Voas, R.B.; Padilla-Sanchez, L.; and Esteban, R. A long-term community-wide intervention to reduce alcohol related traffic injuries: Salinas, California. Drugs Educ Prev Policy 7(1)51-60, 2000. (32) Lange, J.E., and Voas, R.B. Youth escaping limits on drinking: Binging in Mexico. Addict 95(4):521-528, 2000. (33) Voas, R.B.; Lange, J.; Tippetts, A.S.; and Johnson, M. "Operation Safe Crossing: Using Science Within a Community Intervention." Paper presented at the 15th International Conference on Alcohol, Drugs and Traffic Safety in Stockholm, Sweden, on May 22-26, 2000. (34) DiClemente, C.C.; Bellino, L.E.; and Neavins, T.M. Motivation for change and alcoholism treatment. Alcohol Res Health 23(2):86-92, 1999. (35) Gentilello, L.M.; Rivara, F.P.; Donovan, D.M.; et al. Alcohol interventions in a trauma center as a means of reducing the risk of injury recurrence. Ann Surg 230(4):473-483, 1999. (36) Monti, P.M.; Colby, S.M.; Barnett, N.P.; et al. Brief intervention for harm reduction with alcohol-positive older adolescents in a hospital emergency department. J Consult Clin Psychol 67(6):989-994, 1999. (37) Zador, P.L.; Lund, A.K.; Fields, M.; and Weinberg, K. Fatal Crash Involvement and Laws Against Alcohol-Impaired Driving. Arlington, VA: Insurance Institute for Highway Safety, 1988. (38) Voas, R.B.; Tippetts, A.S.; and Taylor, E.P. Impact of Ohio administrative license suspension. In: 42nd Annual Proceedings: Association for the Advancement of Automotive Medicine. Des Plaines, IL: AAAM, 1998. (39) Voas, R.B.; Tippetts, A.; and Lange, J. Evaluation of a method for reducing unlicensed driving: The Washington and Oregon license plate sticker laws. Accid Anal Prev 29(5):627-634, 1997. (40) Voas, R.B.; Tippetts, A.S.; and Taylor, E. Temporary vehicle immobilization: Evaluation of a program in Ohio. Accid Anal Prev 29(5):635-642, 1997. (41) Voas, R.; Tippetts, A.; and Taylor, E. Temporary vehicle impoundment in Ohio: A replication and confirmation. Accid Anal Prev 30(5):651-656, 1998. (42) Voas, R.B.; Marques, P.R.; Tippetts, A.S.; and Beirness, D.J. Alberta Interlock Program: The evaluation of a province-wide program on DUI recidivism. Addict 94(12):1849-1859, 1999. (43) Tashima, H.N., and Helander, C.J. 1999 Annual Report of the California DUI Management Information System. Sacramento, CA: California Department of Motor Vehicles Research and Development Section, 1999. (44) Weinrath, M. Ignition interlock program for drunk drivers: A multivariate test. Crime Delinquency 43(1):42-59, 1997. (45) Beck, K.H.; Rauch, W.J.; Baker, E.A.; and Williams, A.F. Effects of ignition interlock license restrictions on drivers with multiple alcohol offenses: A randomized trial in Maryland. Am J Public Health 89(11):1696-1700, 1999. (46) Shinar, D., and Compton, R.P. Victim impact panels: Their impact on DWI recidivism. Alcohol Drugs Driv 11(1):73-87, 1995. (47) Fors, S.W., and Rojek, D.G. The effect of victim impact panels on DUI/DWI rearrest rates: A twelve-month follow-up. J Stud Alcohol 60(4):514-520, 1999. (48) C'de Baca, J.; Lapham, S.C.; Paine, S.; and Skipper, B.J. Victim impact panels: Who is sentenced to attend? Does attendance affect recidivism of first-time DWI offenders? Alcohol Clin Exp Res 24(9):1420-1426, 2000.


Tuuto il materiale contenuto in Alcohol Alert è di pubblico dominio e può essere usato o riprodotto senza il permesso del NIAAA. La citazione della fonte è apprezzata.

    Ritorna ad inizio pagina

Indice pubblicazioni

Indice Alcohol
Alert

Inizio pagina

Se il vostro browser non visualizza i pulsanti di collegamento, selezionate le pagine dai link sottostanti

Home Page

Alcolismo

Disturbi alimentari

Gioco d'azzardo

Contatti

Libri

FAQ su alcolismo

Testimonianze

Novitą

Link

Pubblicazioni

Centri d'aiuto

Aiutodipendenze

Forum

Sommario

Per informazioni di carattere medico inviare l'e-mail a: staff.medico@cestep.it
Webmaster: webmaster.guido@cestep.it

Copyright © 2001-2008 Centro per lo Studio e la Terapia delle Psicopatologie