SOMMARIO

1

Alcoldipendenza (Alcolismo)

1.1  

Le conseguenze dell'Alcolismo

1.2  

Le cause dell'Alcolismo

1.3  

Vizio o malattia?

1.4  

Si può curare l'alcolismo?

2

Programma Terapeutico: S.M.A. Servizio Multidisciplinare di Alcologia

1 - Alcoldipendenza

L'Alcoldipendenza o Alcolismo è un fenomeno che si verifica in una percentuale di consumatori di alcolici ed è caratterizzata dall'impossibilità di smettere l'uso di alcol, nonostante la persona si renda conto che quella sostanza (alcol etilico) le fa male e che quindi voglia smettere di assumerla. In altre parole, quella persona si trova ad essere schiava dell'alcol e a non poterlo più controllare.
Possiamo fare diagnosi di dipendenza alcolica se ci troviamo in presenza di almeno tre o più delle seguenti caratteristiche:

1. Bisogno di dosi sempre più elevate di alcol per raggiungere l'effetto desiderato (aumento della tolleranza o assuefazione).

2. Comparsa di malessere (fisico e/o psichico) se la persona non beve (sindrome di astinenza).

3. Impossibilità di controllarsi nel bere.

4. Desiderio persistente della sostanza e impossibilità di ridurne l'uso.

5. Continua ricerca della sostanza fino ad arrivare al punto che gran parte del suo tempo viene speso in questa ricerca o per riprendersi dagli effetti dell'intossicazione.

6. Interruzione di attività lavorative, ricreative, contatti sociali, a causa dell'uso della sostanza.

7. Persistere nell'uso della sostanza nonostante la consapevolezza delle conseguenze negative (fisiche, psichiche, sociali).
Torna all'inizio

1.1 - Le conseguenze dell'Alcolismo

L'alcolismo si sviluppa progressivamente in un periodo di tempo più o meno lungo (di solito anni) e comporta una serie di conseguenze a livello fisico, psichico e sociale. I danni possono colpire qualunque persona, di ogni età sesso e ceto sociale e possono colpire vari settori della vita di una persona. Possiamo parlare infatti di:

Danni fisici epatici, neurologici, cardiaci, sessuali ecc.
Danni psichici ansia, depressione, psicosi, disturbi di personalità ecc.
Danni sociali perdita di lavoro, divorzi, violenza sui minori, incidenti stradali, infortuni sul lavoro ecc.

Torna all'inizio


1.2 - Le cause dell'Alcolismo

Fino a non molti anni fa si pensava che l'alcolismo fosse un vizio, cioè un comportamento volontario negativo e quindi moralmente riprovevole.
Negli ultimi anni invece è apparso sempre più evidente, in seguito al progresso delle conoscenze scientifiche sull'argomento, che la dipendenza da alcol è dovuta non tanto alla mancanza di volontà del soggetto, ma ad una serie di fattori che possiamo raggruppare in:

fisici genetici, metabolici, neurologici
psichici disturbi psichici di varia natura che provocano sofferenza e facilitano la ricerca dell'alcol come conforto
sociali cultura del bere, pressione sociale, abitudini e stile di vita.

Ciascuno di questi fattori, da solo, non è in grado di creare disturbo e quindi, perché il problema si manifesti, è necessario che siano contemporaneamente presenti più fattori come condizione predisponente e che sopravvenga una causa occasionale scatenante. Una volta che il disturbo è apparso, il suo mantenimento sarà reso possibile da altri fattori, cosiddetti perpetuanti, vale a dire da fattori che contribuiscono a far continuare il legame del soggetto con l'alcol.
Torna all'inizio

1.3 - Vizio o malattia?

In base alle nuove conoscenze, sappiamo che il soggetto dipendente da alcol non ha più il controllo volontario sulla sostanza. I suoi comportamenti sono dettati da meccanismi che scattano automaticamente e lo rendono schiavo impedendogli di staccarsi dalla sostanza, anche quando lui stesso si rende conto che è indispensabile farlo. E' per questo motivo che attualmente gli studiosi considerano l'alcolismo una malattia e non più un vizio.
Nel vizio è il soggetto che controlla l'alcol, nella malattia è l'alcol che controlla il soggetto.
Torna all'inizio

1.4 - Si può curare l'Alcolismo?

Un tempo l'alcolismo, essendo considerato un vizio, veniva solo biasimato e condannato. Ora che è apparso chiaro che si tratta di una malattia, viene affrontato come tutte le altre malattie, cioè con la ricerca di rimedi efficaci per risolvere i tanti danni che provoca sia all'individuo che all'intera società.
Negli ultimi anni sono stati sviluppati molti programmi terapeutici che si sono sempre più affinati, permettendoci di vedere risultati concreti che un tempo erano impensabili. E questi risultati costituiscono una realtà per tante persone che riescono a trarne beneficio e una fonte di speranza e di incoraggiamento per quanti sono ancora in preda alla dipendenza, ma che vogliono venirne fuori.
Possiamo quindi affermare senza dubbio che l'alcolismo si può curare, anche se questo non significa che sia facile farlo. Questa malattia è caratterizzata infatti dal rischio costante di ricaduta, per cui non basta smettere di bere, ma è fondamentale non ricominciare a farlo. Smettere può non essere difficile, ma continuare a restare in sobrietà non è altrettanto facile.
Perché una persona possa curarsi è indispensabile che abbia la spinta giusta a farlo, che sia cioè motivata correttamente. La motivazione scatta quando una persona si rende conto che l'alcol costituisce un problema e che non riesce a risolverlo da sola. Constata che la sua vita viene pesantemente condizionata da quella dipendenza e che i problemi che ne derivano gettano la persona stessa e chi le vive accanto in un vero e proprio inferno. Arriva un momento in cui non è possibile andare avanti a vivere in quel modo. Questo è il momento giusto per smettere. Per alcuni, purtroppo, questa consapevolezza non si verifica o arriva troppo tardi, quando i danni sono ormai irreversibili.
Spesso la persona può tentare da sola di smettere ma, se non ci riesce, non deve demoralizzarsi, perché questa malattia è una "piovra" soffocante che lo sovrasta; allora è necessario chiedere aiuto ad esperti che possano fornirle tutto l'appoggio e le conoscenze per uscire dal problema.

Dr. Michele G. Sforza

Torna all'inizio

Ultimo aggiornamento: 16/01/2004

2 - Programma Terapeutico del Ce.S.Te.P.: S.M.A.   


Torna ad inizio pagina

Se il vostro browser non visualizza i pulsanti di collegamento, selezionate le pagine dai link sottostanti

Home Page

Alcolismo

Disturbi alimentari

Gioco d'azzardo

Contatti

FAQ su alcolismo

Profili medici

Su di spirito

Centri d'aiuto

Link

Libri

Pubblicazioni

Novitą

Archivio

Aiutodipendenze

Testimonianze

Forum

Sommario

Per informazioni di carattere medico inviare l'e-mail a: staff.medico@cestep.it
Webmaster: webmaster.guido@cestep.it

Copyright © 2001-2008 Centro per lo Studio e la Terapia delle Psicopatologie