Torna all'indice dell'Archivio


Alcolismo e problemi alcolcorrelati


Dall'Italia

Roma, 24 settembre 2004 - "In vino veritas": o, meglio, le verità sul vino. Reporter, RAI3 ore 21.
Trasmissione-denuncia a cura di Bernardo Iovene, quasi unica nel suo genere che si sia peritata di esplorare le verità nascoste sul vino italiano, "osando" fare comunicazione corretta a tutto campo, informando inoltre il pubblico riguardo ad un argomento mal gestito dai mass-media, qual è quello dei problemi e dei rischi alcol correlati per la salute dei consumatori e sfatando nel contempo il falso mito dei benefici che deriverebbero dall'assunzione del vino stesso.
Il video della puntata è fruibile sia sul sito di Rai Click (integralmente) che sul sito di Reporter, dove però l'audio del filmato (durata: 1h:22':40'') si interrompe dopo 1h:07':40''; è disponibile il trascritto.
N.B.:
per scaricare il filmato dal sito di Reporter cliccare con il tasto destro del mouse sull'icona video e selezionare "Salva oggetto col nome..." (in Windows; per Mac OS il procedimento è analogo). Quindi cliccare sull'oggetto salvato. Entrambi l filmati vengono riprodotti in Real Player, plug-in scaricabile gratuitamente dal sito Real Video (per Win, Mac o Linux).

Roma, 17 settembre 2004 - Camera dei Deputati: tutela minori in TV, vietati spot su alcolici.
(ASCA) - Nella fascia oraria protetta per la tutela dei minori le emittenti televisive non potranno trasmettere ogni forma di comunicazione pubblicitaria avente come oggetto bevande contenenti alcool. Lo prevede il testo unificato delle pdl 4964 e connesse messo a punto dall'apposito Comitato ristretto delle Commissioni Istruzione e Trasporti-Telecomunicazioni. Il testo di soli due articoli di cui e' stato avviato l'esame apporta limitati ritocchi alla legge 112 del maggio 2004 sulla programmazione televisiva. E' stato fissato a martedì prossimo il termine per la presentazione di emendamenti. (fonte: A. Sbarbada, Newsletter dal Forum di Alcolonline, 17/09/2004).

Settembre 2004 - Riprende la campagna di prevenzione "Rientro sicuro".
Con il mese di settembre è ripresa la campagna di prevenzione "Rientro sicuro" per convincere i giovani a non mettersi al volante in stato di ebbrezza che limita i riflessi e la capacità di guidare in modo sicuro per se stessi e per gli altri. Al via dunque la seconda fase dell'operazione "Guido con Prudenza" portata avanti dalla Polizia stradale insieme alla Fondazione Ania, con la collaborazione anche dei locali da ballo. La campagna permetterà ai ragazzi che risulteranno negativi all'alcol test di avere un biglietto gratis per la discoteca. I controlli della Polizia stradale saranno intensificati anche per cercare di evitare che i giovani si mettano al volante dopo aver assunto droghe. La prevenzione sembra necessaria se si considera che, nonostante il fenomeno dei morti per droga sia in diminuzione, quest'estate nei soli tre mesi di giugno luglio e agosto ce ne sono stati più di 90. http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/rientro_sicuro/index.html (fonte: Notizie dal Governo by newsletter Palazzo Chigi di Buongiorno Vitaminic, 07/09/2004).

Sabato 28 Agosto 2004 - Festival Musicale Analcolico a Marmirolo - MN.
Il 28 agosto a Marmirolo (Mn) l'Associazione Provinciale dei Club degli Alcolisti in Trattamento di Mantova organizza il "Festival Musicale Analcolico 2004".
Chi si preoccupa della salute pubblica continua, inascoltato, a gridare che l’alcol è determinante in circa la metà degli incidenti stradali (Istituto Superiore di Sanità), che l’alcol è la prima causa di mortalità per i giovani europei tra i 15 e i 29 anni (Organizzazione Mondiale della Sanità); dall’altra parte enormi interessi economici portano a rappresentare continuamente l’alcol in associazione a festa, musica, divertimento, bellezza, successo sessuale.
Ci troviamo di fronte ad una continua sollecitazione al bere, con una particolare pressione verso i giovani: si pensi al mercato pubblicitario, ma anche, per esempio, alla rapidissima diffusione, tra ragazzi anche giovanissimi, dei cosiddetti “alcopops”, quelle bevande alcoliche in bottigliette colorate, al gusto di frutta.
In questo contesto, i concerti si svolgono sempre più spesso nell'ambito di feste del vino o della birra ("birra a fiumi", scrivono i manifesti), feste patrocinate dall'industria dell'alcol e anche, talvolta, da enti pubblici, che dovrebbero essere preposti a tutelare la salute dei cittadini.
A Mantova, due anni fa, è nata l’idea di organizzare, con cadenza annuale, un Festival Musicale Analcolico, proposto e organizzato da famiglie di alcolisti che hanno ritrovato il piacere della sobrietà: una festa in musica, ad ingresso libero, per una volta senza alcol.
Le prime due edizioni del Festival hanno visto la partecipazione di numerosi musicisti locali e hanno ospitato artisti professionisti di grandissima qualità, quali, tra gli altri, Scraps Orchestra, Luca Bonaffini, Ridillo, Andrea Parodi, Tolo Marton, Pippo Pollina, ottenendo un buon successo di pubblico.
La manifestazione, che si svolge dalle ore 15 alle ore 24 presso l'Area Feste in via Di Vittorio a Marmirolo (Mn), si avvale della collaborazione della Provincia di Mantova (Assessorato alle Politiche Sociali), del Comune di Marmirolo, dell’ASL di Mantova (Dipartimento ASSI) – Servizio Dipendenze NOA ed Équipe Alcologiche e vanta il sostegno dell'Associazione Familiari e Vittime della Strada - Onlus e dell'Associazione Europea Familiari e Vittime della Strada.
Se in un gruppo la norma condivisa è il bere e lo strabere, questo comportamento cessa di essere trasgressione e diviene omologazione, mentre, semmai, il vero trasgressivo rimane quello che solo, e magari deriso dagli altri, si beve un succo di frutta.
In quest'ottica il Festival Musicale Analcolico si propone come iniziativa originale e culturalmente trasgressiva.
Alessandro Sbarbada - APCAT Mantova
a.sbarbada1@tin.it
tel. 0376 329571.
(fonte: Newsletter dal Forum di Alcolonline, 08/08/2004)

Domenica 23 Marzo 2003, ore 23.10  RAI TRE.
Nel corso della odierna puntata della trasmissione "REPORT", viene presentato il servizio "Lasciamoli bere in pace?" dedicato ai rischi connessi all'abuso alcolico, alla mancanza di informazioni adeguate persino sulle etichette delle bevande alcoliche, al contrario di quanto già avviene in molti paesi dell'Occidente, alle cifre sui decessi provocati dall'abuso di alcol, responsabile in Italia di 40.000 morti all'anno e prima causa in Europa dei decessi tra i giovani di 14-25 anni.
Per una presentazione sul servizio è disponibile la scheda nel sito di Report.

Martedì 12 Novembre 2002.  Esce in libreria il libro dello psichiatra Dr. Michele G. Sforza "Su di spirito - Cosa fare quando l'alcol diventa un problema".
Per i tipi dell'Editore Franco Angeli è presente da oggi nelle librerie italiane il libro del Dr. Michele G. Sforza, psichiatra, psicoterapeuta ed alcologo, "Su di spirito - Cosa fare quando l'alcol diventa un problema", in collaborazione con la Dr.ssa Valeria Egidi, psicologa e psicoterapeuta. Strutturato sotto forma di intervista con toni chiari, precisi ma al contempo discorsivi e di facile comprensione, il volume si rivolge a coloro i quali, in modo diretto o riflesso (familiari ed amici) sono coinvolti nelle problematiche correlate all'abuso alcolico ed all'alcoldipendenza, così come agli operatori impegnati in prima linea nella sfera multidisciplinare dei problemi alcolcorrelati. Un prezioso manuale di aiuto quindi (debitamente inserito, infatti, nella collana Self-help), che consigliamo non solo ad alcolisti, loro familiari, operatori sociali, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti, riabilitatori psichiatrici, ma anche agli studenti universitari delle professioni sanitarie, troppo spesso privati di elementi conoscitivi riguardanti le patologie alcolcorrelate che solo in Italia coinvolgono 5 milioni di persone (alcoldipendenti e bevitori problematici), da elevare a 15-20 milioni ove si considerino a ragione anche i nuclei familiari e amicali che da tali patologie sono investiti. (GN)
Michele G. Sforza, Valeria Egidi: "Su di Spirito - Cosa fare quando l'alcol diventa un problema", Franco Angeli, coll. Self-help, brossura, pagg. 208, 2002, ISBN 884644132X, € 18,00.

Mercoledì 5 Giugno 2002, Napoli.  Progetto "Alleando Forze" - Lotta contro marginalità e alcolismo.
Napoli - Ospita una settantina di persone di tutte le età, molte con problemi di alcoldipendenza. Ai senza dimora del Dormitorio Pubblico di Napoli si rivolge nella sua prima fase il progetto "Alleando Forze", promosso dal Dipartimento Servizi Sociali del Comune di Napoli, con la Fondazione Massimo Leone e Alcolisti Anonimi, in collaborazione con la Asl Napoli 1 e l'Università Federico II (Cattedra di Gastroenterologia). Il progetto è stato presentato il 5 giugno presso il Centro di Accoglienza S. Maria La Palma della Fondazione Massimo Leone, in Via Ferri Vecchi, 19 a Napoli. La premessa dell’azione di rete è che nell’area di Napoli i fenomeni di marginalità costituiscono sempre più un substrato che predispone all’alcolismo, un problema che il progetto vuole innanzitutto far conoscere e riconoscere come malattia e non come "vizio", cercando poi di dare agli ospiti del Dormitorio le motivazioni per accettare un colloquio con Alcolisti Anonimi e iniziare così un percorso di recupero e reinserimento sociale.
"Alleando Forze" prevede attività di formazione e aggiornamento per il personale e i volontari che operano presso il Dormitorio Pubblico, e punterà ad affiancare all'esperienza e alla capacità tecnica degli operatori una vicinanza umana e fraterna alle persone con problemi di alcoldipendenza. Ogni volontario coinvolto "adotterà" uno degli ospiti in fase di recupero, assistendolo anche durante i ricoveri ospedalieri per la disintossicazione. Tratto dal sito Segretariato Sociale; fonte: "Il Mattino" di Napoli. 

Giovedì 9 Maggio 2002, ore 20.35 RAI UNO.
La trasmissione condotta da Enzo Biagi, "Il Fatto", è incentrata sull'alcolismo. Sono previste interviste, tra le quali anche a componenti di Alcolisti Anonimi, che sabato 11 maggio festeggiano 30 anni di attività in Italia. Auguri e altri... sereni 30 anni!
La trascrizione ed alcune immagini della puntata televisiva sono riportate nell'archivio de "Il Fatto" sul sito di RAI1: immettere, senza virgolette, "puntate" (nel modulo di ricerca > scegli l'archivio), "2002" (nell'anno), "maggio" (nel mese), "alcolismo" (in >contiene), Nei risultati di ricerca, selezionare "Alcolismo: una piaga sociale", che è appunto il titolo della puntata trasmessa.
Volendo visionare l'intero filmato della puntata collegarsi alla registrazione video sul sito di RAI1, da dove è possibile scaricare gratuitamente Real Player Basic (qualora non fosse già installato sul vostro computer) per la visione.

1ª Giornata Nazionale di Prevenzione dei Rischi e dei Problemi Legati al Consumo di Bevande Alcoliche.
Sul sito di Radio 24 Il Sole 24 Ore è possibile ascoltare la registrazione dello speciale della rubrica quotidiana Essere&Benessere del 19/4/2002, dedicato alla 1ª Giornata nazionale di prevenzione dei rischi e dei problemi legati al consumo di bevande alcoliche. Intervengono Ugo Tavernari, vicepresidente dell'Associazione Regionale Club degli Alcolisti in Trattamento del Piemonte, il dr. Mauro Torchio, specialista in medicina interna presso l'Ospedale Molinette di Torino e la signora Franca che racconta la sua esperienza di familiare di un alcolista.

19 aprile 2002 - 1ª Giornata Nazionale di Prevenzione dei Rischi e dei Problemi Legati al Consumo di Bevande Alcoliche.
Sul territorio nazionale, viene organizzato il 1st Alcohol Prevention Day, 1ª Giornata Nazionale di Prevenzione dei Rischi e dei Problemi Legati al Consumo di Bevande Alcoliche, analogamente a quanto già avviene negli USA ( NASD National Alcohol Screening Day,11 aprile 2002). Il programma della giornata prevede campagne informative riferite all'uso errato dell'alcol: l'intento è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica, gli operatori sociosanitari, i media, così come la classe politica tutta, sui rischi connessi ad un utilizzo improprio delle bevande alcoliche e sui rischi alcolcorrelati, rivolgendosi in special modo ai bevitori problematici ed agli alcolisti, ma non solo. Anche i bevitori occasionali e sociali possono incorrere in seri incidenti stradali e/o domestici, mettendo a repentaglio la propria e altrui salute, anche solo dopo una bevuta che alteri i parametri di attenzione e percezione visiva, e senza che il soggetto avverta coscientemente alterazioni evidenti.
A tale scopo è prevista la distribuzione di materiale educativo, promozionale e di questionari anonimi riguardanti le abitudini degli italiani circa l'uso di alcol, presso stand appositamente adibiti, con l'assistenza di professionisti qualificati. Saranno presenti presso i banchi anche rappresentanti delle forze dell'ordine per sottoporre gratuitamente ed in forma anonima chi ne faccia richiesta alla prova dell'etilometro. Con tali strumenti si spera inoltre di indirizzare verso strutture di ricupero coloro che, pur non ritenendo di avere problemi con l'alcol o non conoscendo recapiti utili, evidenzino una serie di fattori-rischio o di abuso oppure di alcoldipendenza che suggeriscono un tempestivo avviamento a professionisti specializzati e a centri alcologici.
La giornata è supportata dalla SIA Società Italiana di Alcologia. Maggiori informazioni sono reperibili sulle pagine del sito di Alcolonline.org e dell'ARCAT Toscana.

Avviato il sito Internet dell'A.N.C.A. (Associazione Nazionale Contro l'Alcolismo) - Lombardia.
www.ancalombardia.org. Presidente: Cav. Uff. Gian Bonzi. Le riunioni dell'associazione si tengono settimanalmente, il venerdì sera dalle 21 alle 23, presso la parrocchia di Grumello al Piano (BG).
Email: ancalombardia@ancalombardia.org. Tel. 035 592539

"Uscire dall'alcolismo - Smettere di bere".
Si stima che un milione e mezzo di italiani siano alcolisti, mentre 5 milioni sarebbero "bevitori problematici". Non siamo abituati a considerare l'alcol come una droga che può distruggere un uomo e di cui si diventa dipendenti. Di alcolismo, dei programmi per uscire dall'alcolismo e di prevenzione si parla a Essere&Benessere del 19/07/01 (la rubrica giornaliera di Radio 24 Il Sole 24 Ore) con la dottoressa Silvia Berard, psicologa, membro per il Comune di Torino dell'ARCAT Piemonte, Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento.
Si può ascoltare integralmente l'intervista in archivio, collegandosi alla pagina del sito di Radio 24

Ultimo aggiornamento: 01/09/2004

  Ritorna ad inizio pagina
Torna all'indice dell'Archivio                                                 

Se il vostro browser non visualizza i pulsanti di collegamento, selezionate le pagine dai link sottostanti

Home Page

Alcolismo

Disturbi alimentari

Gioco d'azzardo

Contatti

FAQ su alcolismo

Profili medici

Su di spirito

Centri d'aiuto

Link

Libri

Pubblicazioni

Novitą

Archivio

Aiutodipendenze

Testimonianze

Forum

Sommario

Per informazioni di carattere medico inviare l'e-mail a: staff.medico@cestep.it
Webmaster: webmaster.guido@cestep.it
Copyright © 2001-2008 Centro per lo Studio e la Terapia delle Psicopatologie