Su di spirito - Cosa fare quando l'alcol diventa un problema - Ed. Franco Angeli

Torna all'indice del volume

5.3. L'alcol è una droga?

5.3.1. Aspetti simili dell'alcol e delle droghe. Differenze

Da come viene descritta, questa condizione ricorda quella di un tossicodipendente. Ma l‘alcol può essere considerato una droga?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riconosce come droga una sostanza che possiede:

  1. Potere psicoattivo (che provoca cioè effetti sul sistema nervoso).
  2. Capacità di indurre assuefazione.
  3. Capacità di indurre dipendenza:
    — psichica (desiderio continuo di assumere la sostanza);
    — fisica (malessere se non si assume la sostanza).

L’alcol, come abbiamo visto, possiede tutte queste caratteristiche e quindi, a tutti gli effetti, può essere considerato potenzialmente una droga. Rispetto ad altre sostanze psicoattive presenta però delle differenze. Gli oppiacei, per esempio, inducono dipendenza praticamente in tutti coloro che ne fanno uso. Cioè hanno un fortissimo potere addittivo. Invece per l’alcol le cose non vanno così: l’alcol è una droga soltanto per una parte dei bevitori. L’alcol ha quindi una minore capacità di indurre dipendenza rispetto all’eroina ma, paradossalmente, è più pericoloso dell’eroina perché è più diffuso. Perciò può indurre dipendenza in un maggior numero di persone.


Oggi sappiamo tutti, anche dai film e dalla TV che i tossicodipendenti senza la droga stanno molto male, hanno la crisi da astinenza. Se anche l’alcol è una specie di droga, l’alcolista che smette di bere sta male?

Sta male eccome! Comunemente si pensa che solo gli eroinomani possano avere sindromi di astinenza importanti (la cosiddetta “scimmia”). Invece fra le più gravi sindromi astinenziali (o carenziali) ci sono proprio quelle dell’alcol. Anche se vuole, l’alcoldipendente non può smettere di bere e, se lo fa, spesso sta male anche fisicamente. Si parla infatti di Sindrome di Astinenza Alcolica (SAA).


5.3.2. Sindrome di astinenza da alcol (SAA)

Quali sono le caratteristiche di questo disturbo?

La Sindrome di Astinenza da Alcol (SAA) è caratterizzata da una serie di alterazioni cliniche e bioumorali che possono comparire (solitamente nel 10% dei casi) in seguito alla brusca sospensione o alla sola riduzione del bere in soggetti con abuso alcolico cronico. La gravità delle manifestazioni è variabile e può andare da forme lievi a forme anche molto gravi. La diagnosi può essere fatta sulla base dei criteri descritti dal DSM IV (v. box 5.4). La gravità del quadro clinico può essere diversa e possiamo avere pertanto una SAA lieve, una SAA moderata e una SAA grave.


OMISSIS

Nota: tutto il materiale contenuto nelle pagine del sito www.cestep.it, riferentesi al volume "Su di spirito. Cosa fare quando l'alcol diventa un problema", compreso il documento "Pagine da Su di spirito.pdf", è soggetto alle leggi del copyright, del quale è detentrice la FrancoAngeli s.r.l. di Milano. Per tale motivo è vietata la riproduzione e la diffusione di ogni sua parte con qualsiasi mezzo. La pubblicazione parziale su questo sito è resa possibile dall'esplicita autorizzazione dell'Editore e dal consenso degli Autori.

 

Ritorna ad inizio pagina
Indice del volume

Inizio pagina


Se il vostro browser non visualizza i pulsanti di collegamento, selezionate le pagine dai link sottostanti

Home Page

Alcolismo

Disturbi alimentari

Gioco d'azzardo

Contatti

FAQ su alcolismo

Profili medici

Su di spirito

Centri d'aiuto

Link

Libri

Pubblicazioni

Novitą

Archivio

Aiutodipendenze

Testimonianze

Forum

Sommario

Per informazioni di carattere medico inviare l'e-mail a: staff.medico@cestep.it
Webmaster: webmaster.guido@cestep.it

Copyright © 2001-2008 Centro per lo Studio e la Terapia delle Psicopatologie