Scrivono sei ragazze affette da disturbi del comportamento alimentare: Marcella

Come mi sento: lettera a Guido

Ciao caro Guido, sono riuscita ad affrontare l'argomento anoressia anche in analisi. E non è stato facile dovere allontanare inutili sensi di colpa.
Purtroppo non mi sento ancora di raccontare la mia storia, di frugare nel mio passato. Ci sono porte che ancora preferisco non aprire e se lo facessi sarebbe con molta freddezza. E non credo serva un'esperienza narrata con distacco e troppa razionalità. All'inizio pensavo che fossero tutte difficoltà facilmente superabili ma mi sono resa conto che non è così. Spero di non essere fraintesa o vissuta come superficiale, perché è una scelta sofferta, fatta sulla base di sentimenti profondi. Il solo fatto di capire che la cosa dovrebbe servire prima di tutto a me e invece è fonte d'angoscia mi fa comprendere che non sono effettivamente pronta. Durante il mio ricovero abbiamo fatto un gruppo insieme e hai portato la tua esperienza per farmi comprendere che dopo aver iniziato la terapia di gruppo anche la tua analisi individuale era molto migliorata. Io avevo ancora molte resistenze e uno degli alibi era che io facevo già la mia analisi e che il lavoro psicanalitico non andava d'accordo con quello della terapia di gruppo. Tu mi hai dimostrato che non è affatto così. E ora, grazie al cielo, posso confermarlo per mia esperienza. Ti saluto con affetto, un bacio a tua moglie.
Marcella

Ritorna ad inizio pagina

Se il vostro browser non visualizza i pulsanti di collegamento, selezionate le pagine dai link sottostanti

Home Page

Alcolismo

Disturbi alimentari

Gioco d'azzardo

Contatti

FAQ su alcolismo

Profili medici

Su di spirito

Centri d'aiuto

Link

Libri

Pubblicazioni

Novitą

Archivio

Aiutodipendenze

Testimonianze

Forum

Sommario

Per informazioni di carattere medico inviare l'e-mail a: staff.medico@cestep.it
Webmaster: webmaster.guido@cestep.it

Copyright © 2001-2008 Centro per lo Studio e la Terapia delle Psicopatologie